Elena

Danza Spirali Vitali

Fanciulle danzanti

dalle profondità

del nostro
essere

gioia
che fluttua
nei corpi
e porta
negli occhi
il nostro sentire

attraverso
la vita
nel battito
lieve
del tempo

Elena_diario di bordo

Danza Spirali Vitali

Scrivere questa testimonianza è il mio “diario di bordo”, il cammino a ritroso per ritrovare le emozioni che ci portano ad essere il gruppo Alomardanza. Un’esperienza che, ad ogni momento pubblico, si rinnova in un percorso dall’idea coreografica proposta da Ilaria alla nascita della danza.

In questo cammino, o meglio cerchio che si espande, c’è spazio anche per i nostri dubbi e paure.
“Oh non mi ricordo niente, chissà quante zanzare al parco la sera e se ... e se... Oddio! Ci vado!!”
“Non posso farlo, anche se lo desidero con tutto il mio essere,

perché il mondo ufficiale è lì, pronto a fregarmi il mio futuro di gioia.”
Paure paure.
“Ma questo braccio non funziona più come una volta quindi ...” Bene lo facciamo funzionare in un altro modo.
“Sono in ansia, riuscirò?” Ma certo!
Paure paure.
Capiamo, parlandone, che sono “soltanto” costruzioni della mente, quel dispettoso ometto razionale tanto osannato in società che, però, col nostro cerchio danzante ha poco a che fare. E così, condividendole, queste negatività si sfilacciano pian piano, svaporano lasciandoci libere e leggere per danzare le nostre essenze più profonde. E poi la bellezza, la calma, l’unione di vita anche quando non abbiamo le prove.
D’estate non tutte andiamo in vacanza, i corsi sono finiti, ma la prospettiva è proprio soltanto un tempo morto, un faticoso e solitario trascinarsi in attesa dell’autunno?
Dubbi, paure.
Naturalmente no, viviamo esperienze insieme con gratificante affetto e l’estate, anche se non c’è il mare, ha tramonti di un’altra suggestione, nuvole rosa e oro nel crepuscolo orlato dal profilo blu dei monti.

L’estate ha i nostri sorrisi e le nostre risate, i lavori per la danza e per l’inverno, la gioia di essere NOI.
E il sole che, comunque, ci scalda. E’ molto stimolante stare in questo gruppo perché la condivisione di intense emozioni ci aiuta ad affrontare dubbi e paure con forza e consapevolezza in un cammino di piccole scoperte verso la gioia della vita. Insieme creiamo le nostre danze in cui ognuna dà il suo contributo secondo i propri talenti e attitudini vissuti con la profonda certezza di “essere in rete” cioè in sintonia con l’armonico divenire del nostro universo interiore nel Grande Universo. Sensazioni ritrovate al di là dei dolori, nuove meravigliose scoperte in un piccolo movimento, una parola qui un’idea là.
Grazie di tutto questo, Vi voglio bene.

Please reload

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now